Tutto ebbe inizio con un viaggio a Roma………….

Tutto ebbe inizio con un viaggio a Roma, dove per la prima volta abbiamo varcato la soglia del Consolato, ospiti della Console Nazhal Abad. Ricordiamo quel giorno con forte emozione, perché finalmente per poche ore ci sentivamo cileni, nonostante fossimo a Roma. Eravamo nella nostra Patria, anche se il Cile rimaneva sempre lontano, ma la mente volava al giorno in cui saremo ritornati dopo anni nei posti della nostra infanzia, con la speranza di poter conoscere le nostre radici e le nostre madri naturali e padri e sorelle e fratelli. Eravamo in pochi ma rappresentavamo tanti altri ragazzi sardi adottati, che non erano potuti venire ma erano al nostro fianco, mentre parlavamo delle nostre storie e dei nostri progetti futuri.                                                    Il viaggio a Roma, fù anche l'occasione per invitare la Console e l'Ambasciatore in Sardegna, che avvenne in occasione di un convegno su Violetta Parra e la visita da parte dell'Ambasciatore al Cagliari Calcio per salutare Isla, giocatore della Nazionale Cilena e giocatore del Cagliari.                                                                     Facemmo quel viaggio già con l'idea di creare un'associazione, che potesse riunire tutti i cileni adottati presenti in Sardegna. Decidemmo di chiamare l'Associazione "Chilenos de Sardigna", che diventerà la prima associazione di figli adottivi cileni e di figli adottivi a livello nazionale.                                                                                        

Nasce l'Associazione Chilenos de Sardigna



ASSOCIAZIONE CHILENOS DE SARDIGNA
Creato con Webnode
Crea il tuo sito web gratis!